Cosa vedere a Torri del Benaco

Scoprite le migliori cose da vedere a Torri del Benaco, un magnifico viaggio tra la storia di questa fantastica città Torri del Benaco.

Ci troviamo sul Lago di Garda, vanto trentino-lombardo-veneto per grandezza, popolarità, pulizia, particolarità, e certamente tanta bellezza. Ci sono davvero troppi luoghi di questo Lago che valgono la pena di essere visti, e probabilmente non basterebbero 100 pagine per elencarli tutti. Questa volta ci concentreremo su Torri del Benaco, un borgo antico situato nella costa veneta del Lago di Garda, scopriremo i luoghi da visitare e quelli da non perdere assolutamente. Compiremo una passeggiata nel suo porticciolo e ci stupiremo di quanta poesia quel luogo sia in grado di emanare.

Cosa vedere a Torri del Benaco

Se siete curiosi di sapere a cosa puoi vedere ti basterà sapere che quando approderete a Torri del Benaco, vi renderete subito conto di essere stati trasportati in un paesino ridente, dalle origini antiche ma ancora molto marcate. Tutt’intorno infatti erano presenti delle mura medievali molto affascinanti e maestose. Purtroppo adesso non rimane che qualche resto che ancora si scorge, ma vale la pena di fermarsi ed immaginare quanto fosse imponente prima della rovina.

Cosa vedere a Torri del Benaco: il Castello Scaligero

Il primo monumento storico di estremo rilievo e importanza secolare è sicuramente il Castello Scaligero, realizzato nel 1383, che prima risultava un tutt’uno con le mura, e che si affaccia direttamente sull’acqua. Un’imponente e maestosa costruzione rettangolare, che a vederla affascina e incute timore allo stesso tempo. Forse perché ci si sente troppo piccoli a confronto, o forse perché si mantiene talmente forte e robusto che sembra sia stato costruito solamente vent’anni fa. Eppure ha ospitato anch’esso diverse guerre disputate tra i signori delle zone limitrofe, oltre ad aver rappresentato la sede ufficiale del Capitano del lago ed essere stata utilizzata inoltre come prigione per molti anni.
L’utilizzo che se ne fa ora è quello di Museo del Castello Scaligero, in cui avrete l’opportunità di visitare l’intera costruzione divisa in nove sale (non tutte aperte), e verrete guidati per tutto il percorso dal racconto della storia di Torri del Benaco. Una particolare attenzione in più la dedichiamo alla famosa Limonaia di Torri del Benaco che si trova in una delle sale del Castello. Si tratta dell’unica limonaia esistente in tutta la regione, la cui serra venne realizzata nel 1760. Ospita da allora alberi secolari altissimi che producono limoni, cedri, mandarini e arance, un vero spettacolo per ognuno dei cinque sensi.

Cosa vedere a Torri del Benaco: Chiesa parrocchiale di S. Marco

Da non perdere poi è certamente la Chiesa parrocchiale di S. Marco, originalmente realizzata per essere utilizzata come cappella, ma in seguito è divenuta un punto di riferimento e luogo di culto per tantissimi fedeli, locali e di passaggio. Non si sa di preciso quando sia stata costruita, ma il primo documento cartaceo che parla della sa presenza riporta al 1435.
La parte più antica e affascinante di tutta la Chiesa è l’abside, che risale al periodo gotico. Esattamente qui sono mostrate le opere maggiori racchiuse all’interno del luogo religioso, come la Crocifissione di S. Marco, La Madonna, Maria Maddalena, Sant’Antonio Abate e molto altro. Da sottolineare invece che la fonte battesimale presente al suo ingresso fu costruita nel ‘500. Le parti rimanenti dell’edificio hanno subito molte modifiche nel corso degli anni, è stata aggiunta persino una terrazza in cui poter riposare al fresco e godere del magnifico panorama.

Cosa vedere a Torri del Benaco: Chiesa dei SS. Pietro e Paolo

Affascinante e imperdibile anche la Chiesa dei SS. Pietro e Paolo, eretta sopra le ceneri di una precedente costruzione romanica dedicata agli stessi santi. Dopo la sua demolizione nel ‘700, venne ricostruita una nuova Chiesa, finanziata con le offerte dei fedeli, e progettata dal celebre architetto Antonio Spazzi. Appena vi troverete al suo cospetto noterete subito il portale bianco in marmo, che illumina la facciata maestosamente. Al suo interno invece troverete le statue dei Santi Pietro e Paolo, le opere di Michelangelo Speranza, Filippo Neri, Giuseppe Zampieri e tanto altro.

Cosa fare a Torri del Benaco

Torri del Benaco è una località perfetta per i turisti in vacanza, in cui ogni attività può essere avverata. È possibile rilassarsi sulla spiaggia e dimenticarsi il mondo attorno, ma anche andare a fare delle escursioni nelle zone più nascoste, oppure vari tipi di sport. Insomma, stiamo parlando di una città accogliente e molto inspirante, dove le persone sono gentili ed è possibile soddisfare le esigenze di tutta la famiglia.
La prima esperienza da compiere in assoluto quando si arriva in questa bellissima cittadina è una passeggiata nel suo porticciolo, di fronte al Castello. Viene considerato uno dei più belli e particolari d’Italia, grazie alla sua forma a conchiglia, i suoi colori e la movida che ospita. Potrete camminare al chiaro di luna e godervi le luci scintillanti che vi accompagneranno, mentre gustate qualche specialità del luogo proposta nei locali che riempiono tutta la costa.
Le vie del centro saranno perfette per le vostre giornate di shopping sfrenato e divertimento, con una vasta scelta di negozi di ogni genere, che riescono ad accontentare grandi e piccini.
Per gli intenditori più raffinati invece, consigliamo una visita alle varie aziende agricole presenti in tutto il territorio, dove sarà possibile assaggiare e comprare tante varietà di vino e di olio extravergine d’oliva, che rappresentano senza dubbio le migliori specialità del posto.

Non si può saltare inoltre l’interessantissima scoperta delle incisioni rupestri presenti a Torri del Benaco, che si trovano qui in quantità molto maggiore rispetto al resto delle città del Lago di Garda. La parte più bella di questa cittadina è rappresentata anche dalle piccole sorprese che si trovano per la strada, e sarà estremamente costruttivo e divertente, soprattutto per i bambini, scoprire all’improvviso mentre camminano i graffiti che colorano le mura della città, e la rendono storica e speciale. Le più famose sono: Pietra delle Griselle e Pietra dei Cavalieri.

Infine vi proponiamo un’escursione alla Grotta Tanella, dove potrete entrare direttamente nel cuore della montagna lungo il pendio del Monte Baldo, nella località di Pai di Sopra. La visita richiederà la presenza delle guide naturalistiche esperte per ragioni di sicurezza, che vi guideranno per l’intero percorso lungo 400 metri. Scoprirete le innumerevoli bellezze naturalistiche che si celano al suo interno, come le celebri stalagmiti e stalattiti tipiche degli ambienti carsici, e potrete inoltre godere dello spettacolare panorama visibile dall’alto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *