Malcesine, cosa vedere e cosa fare

Malcesine

Chi dice che i piccoli paesini non hanno nulla da raccontare, probabilmente non si rende conto dell’estrema ricchezza che questi comportano in una nazione come l’Italia, patria assoluta dei borghi storici e dei grandi racconti legati ad essi. Il Lago di Garda, ad esempio, non potrebbe essere lo stesso senza i meravigliosi paesini che lo circondano, uno più incantevole dell’altro, e ognuno con il proprio passato da raccontare. Uno di questi è Malcesine, un borgo che al primo impatto fa innamorare di sé ogni passante che capita lì per caso, e lo costringe a soggiornare qui almeno per qualche giorno, al fine di non perdersi la bellezza di tutto ciò che lo circonda. Si tratta dell’ultimo comune della costa est sul Lago di Garda, che appartiene alla regione veneta. Pur essendo un borgo di appena 3.700 abitanti, Malcesine incanta soprattutto per la versatilità dei suoi paesaggi, che offrono le acque limpide del Lago da una parte e le rocciose vette del Monte Baldo dall’altra, e rendono questo luogo adatto a tutte le esigenze e a tutti i desideri di vacanza.

Cosa vedere

Malcesine è considerato il paese più caratteristico e particolare del Lago di Garda, appunto per la sua grande offerta di meravigliosi panorami. Questo borgo però offre anche tanto altro, dei luoghi storici con delle storie alle spalle, racconti che vale la pena ascoltare per ore.

Il monumento che sicuramente non passerà inosservato ai vostri occhi è il Castello Scaligero di Malcesine, che si erge fiero e imponente, dominando con la sua grandezza tutto il borgo. Sono ancora sconosciute le vere origini della nascita del castello, c’è chi da sempre afferma che sia stato realizzato nel 1° millennio a.C. Molti storici invece datano la sua costruzione a non prima del 1° millennio d.C., sotto commissione del popolo Longobardo. Ciò che è certo, è che nel 590 venne distrutto e poi riedificato dai Franchi. A seguito delle invasioni Ungariche, esso divenne a tutti gli effetti un feudo veronese.

Quando la famiglia Della Scala prese possesso di quasi tutta la provincia veneta, anche Malcesine venne introdotta nel regno per più di un secolo, e alla sua fortezza feudale venne dato il nome che attualmente porta: Castello Scaligero.

Il Castello di Malcesine è un Monumento Nazionale di estrema importanza, che si divide in diverse sale, e tutte meritano la giusta attenzione.

L’entrata è posta sul cortile, e subito sulla sinistra potrete notare un palazzetto detto la “Casermetta”, che era il luogo in cui si posizionava la guardia. Al piano sotterraneo e al primo piano, oggi è stato istituito un Museo di Storia Naturale rinnovato nel 2008. Un incredibile museo multimediale, in cui i visitatori non solo potranno ammirare, ma potranno addirittura sentirsi parte dell’arte che li circonda, in quanto sarà consentito loro di esplorare, vedere, toccare, ascoltare, utilizzare gli schermi touch screen e molto altro. Inoltre sarà sufficiente voltarsi a guardare fuori da una delle finestre, per rimanere estasiati dal paesaggio che si estende al di fuori.

Salendo su per le scale si può trovare l’interessantissima “Sala Goethe”, in cui sono rappresentate tutte le immagini che lo scrittore e poeta tedesco racchiuse come una dedica alle meraviglie del borgo, quando capitò a Malcesine nel 1786, e se ne innamorò perdutamente.

Continuando a salire, potrete ammirare il secondo giardinetto, detto “Rivellino”, la cui sala principale viene adibita per feste e matrimoni, con uno spettacolo panoramico da non perdere assolutamente.

 

Il Palazzo dei Capitani è un altro monumento molto importante per il borgo di Malcesine. La sua fondazione fu commissionata dalla famiglia Scaligeri tra il XIII e il XIV secolo, e venne utilizzata come sede governativa dagli stessi Della Scala. Successivamente nel XV secolo venne riadattato secondo lo stile gotico, e poi divenne sede dei Capitani del Lago, grazie alla sua posizione strategica. È molto suggestivo fermarsi ad ammirare gli affreschi che ricoprono il soffitto o gli stemmi della Gardesana.

Oggi il Palazzo è diventato una biblioteca comunale.

 

Cosa fare 

Malcesine è un piccolo borgo, ma con una grande offerta di escursioni, avventure e attività diverse da poter svolgere, che riescono ad accontentare tutta la famiglia.

 

Da non perdere innanzitutto la passeggiata tra i vicoli del centro storico, dove ogni angolo rappresenta uno spettacolo per gli occhi: le case incastonate l’una con l’altra, le salite e le discese, gli scorci che danno sul lago. Non mancano inoltre tantissimi posti tipici in cui è possibile gustare le bontà di Malcesine.

Estremamente caratteristico anche il porticciolo, dove si può godere del panorama mentre si cammina per il lungolago, ed è possibile sostare nei tanti locali con i tavolini a due passi dall’acqua.

Non dimentichiamo inoltre la limpidezza delle spiagge e dell’acqua in cui Malcesine si affaccia, considerata la più bella zona del Lago di Garda in cui poter fare il bagno, proprio come se ci si trovasse di fronte al mare.

 

Le escursioni sul Monte Baldo sono un’esperienza da provare almeno una volta nella vita. Si arriva in cima tramite la Funivia Malcesine-Monte Baldo, la cui salita è già di per sé un’avventura. Fino ad arrivare a 1800 metri d’altezza, si possono scorgere dall’alto le bellezze di Malcesine, del Lago e dei paesini che lo contornano. Le cabine con cui si sale sono girevoli, perciò consentono una vista completa dello spettacolo.

Una volta arrivati in cima, sono tante le attività e gli sport che potrete fare: dal trekking al parapendio, dalle escursioni ai pic-nic, ovviamente sempre circondati da un’estrema vista paesaggistica senza paragoni.

 

Prestiamo inoltre un’attenzione obbligatoria alle frazioni di Malcesine: Cassone e Navene. Luoghi molto particolari e suggestivi, in cui sarà possibile passeggiare sul lungolago o sostare sulle spiaggette in totale relax. Proprio durante una visita a Cassone, il pittore austriaco Klimt, ispirato dal magnifico paesaggio, dipinse la sua opera “Chiesa a Cassone sul Garda”. Sempre nella frazione di Cassone si trova inoltre il fiume più piccolo d’Italia, Aril, lungo 175 metri, in cui in inverno viene allestito un caratteristico presepe tutto da scoprire.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *